Home » Ecocardiografia » Deformation imaging no problem

Deformation imaging no problem

strain

Oramai sono parecchi anni che lo studio della deformazione cardiaca ci blandisce per la valutazione delle patologie più varie, entrando a far parte anche delle linee guida (anche se non con evidenze poderose) per la gestione della stenosi valvolare aortica.

Cosa impedisce, ad esempio, che il 2D strain si attesti nello studio delle cardiomiopatie o ci aiuti a guidare in maniera oculata la terapia antiblastica (o anche immunosoppressiva in alcuni tipi di malattie reumatologiche)?

La domanda sorge spontanea, la risposta è: lo so.

La diffusione delle apparecchiature, la ripetibilità degli esami, la curva di apprendimento, il tempo a disposizione per l’elaborazione, e chi più ne ha più ne metta.

Feigenbaum ha sposato una crociata nel voler diffondere – non voglio dire il Verbo – ma almeno la presa in considerazione che, con le opportune semplificazioni, applicare il 2D strain non è poi così complicato.

Ricordando sempre che l’ecografia è tolemaica ed è lo specchio del paziente, leggetevi l’articolo qui.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...