Home » Aritmie » Basta il warfarin per la FA associata alla cardiopatia ischemica stabile

Basta il warfarin per la FA associata alla cardiopatia ischemica stabile

Sembra di aver scoperto l’acqua calda, ma in epoca di doppia e tripla terapia “antitrombotica”, questa evidenza mancava.

L’articolo nordeuropeo Antiplatelet Therapy for Stable Coronary Artery Disease in Atrial Fibrillation Patients on Oral Anticoagulant: A Nationwide Cohort Study ripropone il problema dell’associazione tra antiaggreganti e warfarin, dimostrando che non si ha nessun beneficio aggiuntivo in termini di mortalità ischemica (l’analisi è su un database, prendetela com è) ma facendo balzare agli occhi un rischio quasi triplo di sanguinamenti, definiti “serious bleedings” (tutti con ricovero). Ho avuto una certa difficoltà ad estrapolare i dati dalle tabelle (confuse), ma in soldoni il 35% dei pazienti con CI stabile e FA si beccavano almeno ASA.

Vedrei meglio, concordando con gli autori, un atteggiamento più prudenziale, visto che vi sono tanti bei motivi per somministrare solo warfarin a questa tipologia di pazienti. Aspetto fiducioso commenti.

Cliccate sul titolo per l’articolo originale

 


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...