Home » Aritmie » Head-to-head comparison of NOACs

Head-to-head comparison of NOACs

Su Medscape cardiology compare la recensione di tre articoli (clicca qui) sul confronto dei nuovi anticoagulanti orali, edoxaban compreso. Se ci dovessimo mettere a dire questo è meglio o questo è peggio, faremmo notte. Alcuni dati sono evidenti, ma altri sono il frutto di analisi non attente sulla composizione della popolazione studiata. Mi viene in mente solo un’osservazione: la percentuale dei pazienti trattati con 15 mg di rivaroxaban (1474) o 2,5 mg di apixaban (3017) non può, almeno in linea teorica, avere affibbiati gli stessi risultati della popolazione generale dello studio, oppure di quelli più omogenei  del dabigatran 110 mg (6015) o 150 mg (6076), in virtù dell’insufficienza renale valutata diversamente in tutti e tre gli studi (leggetevi l’analisi di Höhnloser qui).

Io non mi voglio esprimere sulla bontà comparativa, rischierei di dire sciocchezze sul filo della R di Pearson.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...