Home » Cardiopatia Ischemica » Terapia dello scompenso cardiaco acuto

Terapia dello scompenso cardiaco acuto

Foto da Flickr

Annunci

La terapia dello scompenso cardiaco acuto ha sempre riservato poche soddisfazioni a noi cardiologi. L’aumento del lavoro cardiaco e del consumo di ossigeno determinano quasi sempre un aumento della mortalità in questo gruppo di pazienti, che invero stanno molto male già di per se.
Personalmente mi lascia sempre perplesso la congruità della randomizzazione dei vari studi in acuto per i farmaci “emodinamici”, ma i dati sono questi ed io mi attengo.
Tuttavia, lo sforzo teso a mantenere una neutralità emodinamica, sia in cronico che in acuto (1) potrebbe dare i suoi risultati, e il trucco potrebbe essere proprio nel bersaglio da colpire: il sarcomero e il calcio per esso disponibile (2). Certo, la digitale agisce in questo modo, ma ha anche effetti indiretti neuromodulati che si sono rivelati deleteri. La dobutamina? Alzi la mano chi non la usa più, e chi sia a conoscenza dello studio di O’Connor et al. (3). Più recentemente ce la caviamo con il levosimendan, con un occhio ovviamente agli ipotesi ed agli ischemici (aumento MACE e mortalità) (4). Sotto potete notare una tabella riassuntiva, in parte mutuata dai lavori citati, che vuole provare a riassumere le novità che bollono in pentola (5, 6). Personalmente sono affascinato dal meccanismo di azione dell’istaroxime – target il sarcomero, con risultati che vengono da lontano e che ancora però non si concretizzano (7).

  1. Vaduganathan M, Butler J, Pitt B, Gheorghiade M. Contemporary Drug Development in Heart Failure: Call for Hemodynamically Neutral Therapies. Circ Heart Fail. Jul 2015;8(4):826-31. 26199309
  2. Nagy L, Pollesello P, Papp Z. Inotropes and inodilators for acute heart failure: sarcomere active drugs in focus. J Cardiovasc Pharmacol. Sep 2014;64(3):199-208. 24785346 PMC4232335
  3. O’Connor CM, Gattis WA, Uretsky BF, Adams KFJ, McNulty SE, Grossman SH, McKenna WJ, Zannad F, Swedberg K, Gheorghiade M, Califf RM. Continuous intravenous dobutamine is associated with an increased risk of death in patients with advanced heart failure: insights from the Flolan International Randomized Survival Trial (FIRST). Am Heart J. Jul 1999;138(1 Pt 1):78–86. 10385768
  4. Packer M, Colucci W, Fisher L, Massie BM, Teerlink JR, Young J, Padley RJ, Thakkar R, Delgado-Herrera L, Salon J, Garratt C, Huang B, Sarapohja T. Effect of levosimendan on the short-term clinical course of patients with acutely decompensated heart failure. JACC Heart Fail. Apr 2013;1(2):103–111. 24621834
  5. Di Somma S, Magrini L. Drug Therapy for Acute Heart Failure. Rev Esp Cardiol (Engl Ed). Aug 2015;68(8):706-13. 26088867
  6. Teerlink JR, Alburikan K, Metra M, Rodgers JE. Acute decompensated heart failure update. Curr Cardiol Rev. 2015;11(1):53-62. 24251454 PMC4347210
  7. Gheorghiade M, Blair JEA, Filippatos GS, Macarie C, Ruzyllo W, Korewicki J, Bubenek-Turconi SI, Ceracchi M, Bianchetti M, Carminati P, Kremastinos D, Valentini G, Sabbah HN. Hemodynamic, echocardiographic, and neurohormonal effects of istaroxime, a novel intravenous inotropic and lusitropic agent: a randomized controlled trial in patients hospitalized with heart failure. J Am Coll Cardiol. Jun 2008;51(23):2276–2285. 18534276

TABELLA AHF

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...